Italia Independent e Condé Nast celebrano l'unicità: be yourself!

In un’epoca in cui tutti somigliamo a qualcun altro e gli stili possono riprodursi e moltiplicarsi con estrema facilità, essere se stessi sembra impossibile, perché ogni cosa è già stata fatta, detta, vista e – va da sé – indossata. Eppure basterebbe fermarsi un attimo e guardarci allo specchio per scoprire che abbiamo qualcosa che ci rende unici e, per questo, più sicuri e più autentici.

La nuova linea lanciata da Italia Independent, ad esempio, mette al centro proprio la diversità e l’unicità come nuove chiavi d’invenzione. I dettagli fanno la differenza e le differenze svelano la nostra vera bellezza o la creano addirittura.

Attraverso GQ scopriamo i miti dello Star System, da David Bowie a Marylin Monroe, divenuti iconici proprio grazie a dettagli fisci, a volte imperfezioni, che li hanno resi irripetibili.

Sicuramente non è banale trasformare i propri difetti in pregi, ma attraverso il contenuto su Vanity Fair impariamo ad essere noi stessi e ad accettarci, perchè omologarci al gruppo non ci fa mai essere noi stessi, ma è la nostra diversità che ci rende speciali e irripetibili, ci dà carattere e forza.